Tumore colon-retto: Approvato il trattamento con i farmaci Trifluridina e Tipiracil

1 anno ago Redazione Commenti disabilitati su Tumore colon-retto: Approvato il trattamento con i farmaci Trifluridina e Tipiracil

Sarebbe una potentissima e nuova arma per combattere il tumore colon-retto, quel tumore che ogni anno in Italia fà aumentare il numero delle persone affette, 52mila soltanto nel 2015. Pare che finalmente l’associazione di Trifluridina con Tipiracil sia terapia giusta per il cancro al colon-retto, dibatito lungo e una decisione che pare sia giusta per porre rimedio ad uno dei tumori più diffusi. Il comitato per i medicinali ad uso umano dell’agenzia Europea dei medicinali, ha dato il via libera per l’utilizzo dell’associazione di due farmaci nella cura dei tumori del colon-retto.

Questo tipo di tumore rappresenta la seconda causa di morte per cancro in tutto il mondo e ha una diffusione notevole: nel 2015 sono stati 52000 i casi diagnosticati di questa forma cancerosa, di cui il 25% presentavano già metastasi al momento della diagnosi.

La sopravvivenza a cinque anni per i tumori di colon-retto arriva ad appena l’11%. Si tratta di dati pesanti e con l’associazione di Trifluridina e Tipiracil, si è dimostrata una sopravvivenza del 32% più lunga nei malati di questa patologia. Questi due farmaci sono necessariamente da usarsi in associazione in quanto la Trifluridina è un antitumorale nucleosidico che agisce direttamente sul DNA incorporando visi e modificandolo, mentre il Tipiracil inibisce l’enzima degradatore della Trifluridina, mantenendo alti i livelli sierici.

Entrambi i farmaci sono ad assunzione orale e vanno usati nei casi in cui altri tipi di terapie non sono praticabili. Si tratta di uno dei tanti progressi della medicina nella lotta contro i tumori, che sono ormai quasi quotidiani. Il tumore del colon-retto ha causato, nel 2012, 19202 decessi in Italia; da ciò si comprende come ogni scoperta che consenta di incidere sulla riduzione di questi numeri, è ampiamente positiva.

La terapia appena approvata deve passare il vaglio della comunità Europea e, se tutto va bene, sarà presto disponibile, come lo è già in Giappone, in 28 Paesi Europei.