Categorie
Cucina

Dolci Natale 2016: tradizioni Napoli, Roma, Sicilia, Puglia e Calabria, ricette e idee originali

Natale 2016: tutti i dolci della tradizione. Riscopriamo insieme i dolci natalizi tipici delle seguenti città: Napoli, Roma, Sicilia, Puglia e Calabria.

I dolci di Natale

Manca poco al Natale e già in tanti si stanno preparando. Molte famiglie riscoprono il sapore delle tradizioni attraverso la preparazione dei dolci. Si sa, quando si pensa al Natale si pensa inevitabilmente ai dolci che tanto allietano le feste. Di seguito andiamo alla scoperta delle ricette tradizionali per la preparazione dei dolci tipici natalizi. Scopriremo cosa si prepara nelle seguenti città: Napoli, Roma, Sicilia, Puglia e Calabria.

I dolci  a Napoli e a Roma

La cucina napoletana non delude mai. Nella città partenopea questi sono i dolci della tradizione: le Zeppole, cioè ciambelle fritte preparate con farina, acqua, latte e anice. Gli Struffoli, dolci sfere fatte con uova, farina, zucchero e noce moscata, miele e limone. Non si può non citare i Roccocò, si tratta di biscotti molto duri che vengono “ammorbiditi” nel vino bianco o nel vermouth.

A Roma, durante il periodo natalizio, si possono gustare: le Nociate e le Nocchiate, si tratta di biscottini fatti prevalentemente di noci (le prime) e nocciole (le seconde). I Mostaccioli alla romana sono dei gustosi dolcetti, risalenti alla tradizione campana, fatti con pepe e cannella. Ci sono anche i Tozzetti, si tratta di speciali golosità che mischiano il cioccolato con la frutta secca.

I dolci in Sicilia, Puglia e Calabria

La cucina siciliana è molto legata alla tradizione. Durante il periodo natalizio è buona consuetudine mangiare, pur con qualche variante, la Cuccia, cioè un piatto a base di frumento, ricotta, cioccolato e zucchero. Il Buccellato, si tratta di una ciambella fatta con farina, latte, uova, strutto, marmellata e frutta secca. La Cobaita, il classico croccante di mandorle.

Spostiamoci in Puglia. Qui possiamo assaporare: le Pettole, cioè un impasto di farina, acqua e sale fritto. Il Marzapane, fatte con farina, uova, mandorle e zucchero. I Sassanelli, biscottini fatti con farina, cacao, cannella, zucchero e vino cotto.

In Calabria per Natale si preparano i seguenti dolci: la Pitta ‘nchiusa, si tratta di strisce di pasta ripieni di frutta secca, cannella e miele che vengono, successivamente, arrotolati su se stessi. Le Passulate, cioè biscotti preparati con frutta secca. Turdilli calabresi, si tratta di gnocchi dolci fritti fatti con farina, zucchero, uova e cannella.

Dopo la tradizione l’originalità

I dolci tradizionali sono sicuramente d’obbligo nelle tavole italiane, ma non bisogna dimenticare l’originalità. Vediamo di seguito qualche idea particolare per le nostre tavole:

I Cake Pops: sono dei dolcetti lecca lecca, davvero facili da preparate. Vi basteranno dei biscotti da sbriciolare, del cioccolato e la vostra marmellata preferita. Per preparare i Cake Pops sbriciolate dei biscotti, versate della marmellata e impastate. Prendete il composto e formate delle palline, successivamente immergeteli nel cioccolato fuso. prendete dei bastoncini per spiedini e infilzate le vostre palline. Lasciateli in frigo per un paio d’ore.

Cheesecake nel barattolo. Tutti amano il delicato sapore della cheesecake, allora perché non prepararne una versione natalizia? Vi basteranno pochi e semplici ingredienti: biscotti, burro, formaggio dolce spalmabile, cioccolato. Sbriciolate dei biscotti e mischiateli con il burro fuso. Pigiate il composto sul fondo di un barattolo, sarà la base della cheesecake. Successivamente mischiate il formaggio con del cioccolato e versatelo sopra la vostra base. Mettete il barattolo in frigo per un paio d’ore. Prima di servire decorate il barattolo con dei nastri colorati o stoffe con stampe natalizie.

Per questo Natale riscoprite i buoni sapori del passato e divertitevi a sperimentarne di nuovi.

 

 

 

Categorie
Cucina Economia Sport

Barrette Mars e altre ritirate in molti Paesi a causa del ritrovamento di plastica in una confezione

Un grave danno economico e di immagine è quello che ha colpito l’azienda Americana proprietaria del marchio Mars ma anche di diversi altri, a causa del ritiro dalla distribuzione e dai punti vendita delle barrette per via del ritrovamento, in Germania di un pezzo di plastica in una confezione. Le barrette interessate al ritiro sono Mars e Snickers, in tutte le versioni e Milky Way e Celebrations in alcune versioni soltanto.

I lotti interessati al ritiro sono quelli con scadenza tra il 19 giugno 2016 e l’8 gennaio 2017. Il responsabile aziendale ha spiegato che l’ampiezza dei lotti in ritiro è stata così voluta in modo da garantire che nessun altro pezzo in commercio possa presentare problemi analoghi a quello che ne ha provocato il ritiro. L’azienda non ha specificato il numero complessivo di barrette interessate al ritiro. Molti sono i Paesi interessati dal provvedimento: Italia, Germania, Olanda, Francia, Belgio, Spagna e Gran Bretagna.

L’entità del ritiro è molto severa, considerando che il problema si è evidenziato su una sola barretta Mars e solo in Germania. Le barrette in questione vengono prodotte nello stabilimento di Viersen, in Germania, ad un ritmo di 10 milioni di pezzi al giorno.