Categorie
Impresa

Vantaggi e conseguenze della fatturazione elettronica in Italia

A partire dal 1° gennaio 2019, tutte le fatture nel settore B2B dovranno essere inviate elettronicamente tramite SdI (Sistema di Interscambio). Per il settore petrolifero e del gas, il regolamento è entrato in vigore a partire dal 1° luglio 2018.

Categorie
Impresa

Centro per l’impiego Rimini: orari di apertura, come arrivarci e info utili

Avete bisogno di rivolgervi al centro per l’impiego di Rimini, ma non sapete dove trovarlo e come funziona questo servizio? Allora siete nel posto che fa al vostro caso! Qui di seguito infatti potrete essere informati su tutte le informazioni utili, ed esempio dove trovare il centro per l’impiego a Rimini, gli orari di apertura e molto altro ancora!

Categorie
Impresa

Istituto Stanga a Cremona: cos’è, sedi, indirizzi e contatti

L’Istituto Stanga è un istituto di scuola superiore, diviso in quattro sedi, nacque negli anni Venti del Novecento, come scuola agraria privata, e da allora crebbe notevolmente, fino a promuovere, oggi, dei progetti di internazionalizzazione, allargando anche i suoi indirizzi professionali.

Categorie
Impresa

Concorso ATA 2017: figure richieste e istruzioni su come compilare la domanda

Pochi giorni fa è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando per l’assunzione di personale ATA relativo all’anno 2017/2018. A seguire troverete tutte le informazioni sulle figure professionali ricercate, le scadenze più importanti relative a ciascuna regione italiana e le modalità di consegna della domanda per poter partecipare alle selezioni ufficiali.

Concorso ATA: figure ricercate

Non tutte le regioni italiane hanno pubblicato il bando ufficiale, alcuni infatti sono ancora in lavorazione; è possibile consultare solo i bandi di: Sicilia, Veneto, Piemonte, Lazio e Liguria. Le figure ricercate sono le seguenti: collaboratori scolastici (bidelli), collaboratori scolastici addetti alle aziende agrarie, assistenti amministrativi, assistenti tecnici, cuochi, guardarobieri e infermieri. Possono accedere al bando solo coloro che hanno già effettuato due anni di lavoro (anche non continuativo) per un istituto di educazione statale, oppure se non si è in servizio bisogna almeno essere inseriti nella graduatoria provinciale ad esaurimento. Un ultimo requisito necessario è in ogni caso il possesso di un diploma quinquennale o di una laurea pertinente alla posizione per la quale si intende concorrere. Vediamo come compilare la domanda nella maniera corretta e quanti sono i moduli che si devono scaricare prima di inoltrarla.

Come compilare e a chi inviare la domanda di partecipazione al concorso

La prima cosa da fare è consultare la data di scadenza di ciascun bando, perchè questa varia in ogni regione. La domanda per la regione Lazio scade il 10 aprile, per la Liguria il 12 aprile, per la Sicilia il 29 aprile, per il Veneto il 12 aprile e per il Piemonte il 19 aprile 2017. Una volta individuato il bando, dalle ultime pagine è possibile effettuare il download di tutti i moduli che è necessario compilare e inviare. Sono in tutto cinque i moduli da compilare in tutte le loro parti: il Modello B1, il Modello B2, il Modello F, il Modello H e il Modello G. Tutti i moduli (tranne l’ultimo) possono essere consegnati a mano o inviati tramite posta elettronica certificata o raccomandata all’Ambito Territoriale Provinciale. L’ultimo modello, il modulo G che ancora non è disponibile come allegato, andrà invece inviato solo mediante il Polis, la Presentazione On Line delle Istanze, bisogna quindi registrarsi al sito e procedere con la compilazione della domanda. Le graduatorie usciranno entro la prossima estate, ma per avere ulteriori aggiornamenti in merito è possibile consultare direttamente il testo che assieme al bando ufficiale ha pubblicato il Ministero dell’Istruzione semplicemente collegandosi al sito internet del Miur o della Pubblica Istruzione.

Categorie
Impresa

Fusione Tre Wind Italia Novembre 2016: quando diventerà effettiva e cosa cambia

Come ormai tutti sappiamo, la fusione tra Tre Italia e Wind è ufficiale: l’obiettivo comune di entrambi i colossi della telefonia è di creare un’unica compagnia che possa tener testa ai concorrenti Vodafone e Tim.
Vediamo insieme cosa cambierà e quali saranno le novità per gli utenti Tre e Wind.

Fusione Tre e Wind: quando avverrà?

La fusione tra Wind e Tre Italia, a quanto pare, avverrà tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017: dal 1° gennaio del nuovo anno avremo una nuova compagnia telefonica a cui far riferimento, anche se il suo nome non è stato ancora reso pubblico.
Finalmente il Ministero per lo Sviluppo Economico e l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni hanno dato la loro approvazione all’integrazione delle due aziende.
L’AGCOM ha precisato, però, che le due società non devono conseguire ricavi superiori al 40% della somma totale nel campo delle telecomunicazioni e che non superino tassativamente il 20% del fatturato dell’intera editoria italiana.
Tra le novità più importanti, vi è la decisione della Commissione Europea che vede imporre alla nuova azienda la cessione di una parte dei capitali ad una nuova società che prende il nome di Iliad.
Ben presto gli italiani avranno a loro disposizione, dunque, diverse compagnie telefoniche quali Tim, Vodafone, la futura Tre-Wind e l’ultima nata Iliad.

Tre e Wind: cosa cambierà per gli utenti?

I due operatori non apporteranno differenze sostanziali fino al giorno dell’accordo definitivo, manterranno attive tutte le promozioni e il loro piano tariffario, e si crede che tale programma possa continuare anche in futuro. Il punto è che la nuova compagnia ha intenzione di stravolgere il mercato italiano della telefonia con offerte e tariffe super convenienti tanto da indurre Tim e Vodafone a studiare nuove strategie per poter competere con una delle società che punta inesorabilmente alla supremazia di mercato.
Secondo le ultime stime, approfitteranno di queste nuove offerte 34 milioni di utenti, ovvero 31 nel campo del mobile e 3 in quello della linea fissa.
L’ingresso nel mercato della francese Iliad rende tutto ancora più concorrenziale, dunque ottime notizie per tutti i clienti che potranno a breve godere di costi e promozioni molto competitive. L’obiettivo è quello, soprattutto nei primi tempi, di accaparrarsi quanti più clienti possibili strappandoli alla concorrenza.
Per quanto riguarda il nome della futura azienda si crede che, essendo Tre riconosciuta a livello internazionale, possa dettar legge e che, quindi, entrambi i marchi si riuniscano sotto l’unico nome di Tre Italia.

Categorie
Impresa

Eni, quotazione di oggi 25 Maggio

L’Eni, sigla che indica l’Ente Nazionale Idrocarburi, è una multinazionale italiana attiva nel settore energetico, specialmente nel comparto degli idrocarburi: dagli anni ’50, periodo della sua fondazione, si è specializzata in attività di produzione, trasformazione e commercializzazione di gas naturale e petrolio, raggiungendo notevoli risultati, tanto da poter essere considerato al momento il sesto maggior gruppo al mondo nel settore petrolifero. Il suo titolo è quotato sia alla Borsa di Milano, sia al NYSE di New York.