Categorie
Motori

Immatricolazioni auto estere: come si effettuano?

Come effettuare un’immatricolazione per le auto estere secondo le norme attualmente in vigore? L’immatricolazione delle auto straniere si rende necessaria ai fini della circolazione nel paese italiano, sottostando ad un iter burocratico per ricevere la targa e il libretto necessari alla nazionalizzazione della vettura. All’interno delle righe successive ci occuperemo di riportare una mini guida dettagliata finalizzata alle pratiche da seguire per l’immatricolazione di un’automobile estera europea o extra europea.

Categorie
Motori

Il 2018 sarà l’anno del boom delle macchine elettriche?

Le auto elettriche consistono in automobili che funzionano ad elettricità, quindi senza carburante: la conseguenza è che sono economiche, ecologiche, veloci ma non inquinanti o meglio, inquinanti davvero al minimo. Per questo i prototipi di auto elettrica sono dette ‘macchine del futuro’. Ma del futuro ancora per quanto?

Categorie
Motori

Bollo Auto Dicembre 2016: prezzo e modalità di pagamento online dal conto corrente

Il pagamento del bollo auto per gli autoveicoli, i motocicli e tutti i mezzi di trasporto può essere saldato presso le agenzie Aci o comodamente da casa tua con un semplice click.
Da oggi è possibile pagare l’imposta online collegandoti al sito di Aci, Poste Italiane, o munito di carta di credito al portale Telebollo o Bollonet.
I costi di commissione variano a seconda delle modalità di pagamento: tramite Lottomatica dai Tabaccai aderenti, all’Aci, alle Agenzie di pratiche auto abilitate la tariffa è di 1,87 euro; agli sportelli di Poste Italiane 1,10 euro. On line con carta di credito la commissione è di 1,87 più l’ 1,2% della tassa.

Ricordiamo che il pagamento del bollo auto è obbligatorio per tutti i proprietari di veicoli iscritti al Pra: il versamento andrà alla Regione di appartenenza, tranne per quelle a statuto speciale dove la gestione della tassa è  affidata esclusivamente all’Agenzia delle Entrate.

Pagamento Bollo Auto dicembre 2016: regole per il pagamento e il rinnovo

Per adempiere al pagamento della tassa di circolazione devi tener presente alcune semplici regole.
Il pagamento della tassa per il rinnovo del bollo avviene in diverse date precise durante l’anno e va eseguito l’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza.
Il rinnovo del bollo per i motocicli va effettuato a febbraio o agosto di ogni anno, per i ciclomotori e i quadricicli leggeri a gennaio.

Bollo Auto On line: scadenza 2017

Il saldo della tassa di circolazione va effettuato l’ultimo giorno del mese successivo a quella della data di scadenza precedente.
Esempio: se il bollo scadesse a dicembre 2016 andrebbe pagato tra il 1° e il 31 gennaio 2017; nel caso in cui la scadenza fosse a gennaio 2017, la tassa andrebbe pagata tra il 1° e il 28 febbraio 2017 e così via fino a dicembre.

Bollo Auto 2017: quando si paga il primo bollo per una nuova auto?

Per chi acquista una nuova auto, la regola prevede di pagare il bollo entro l’ultimo giorno del mese d’immatricolazione.
Per intenderci, se la vettura è stata comperata nell’ultima decade del mese, il pagamento dovrà essere eseguito alla fine del mese successivo. Ricordiamo, poi, che se anche il veicolo venisse registrato l’ultimo giorno del mese, la spesa d’immatricolazione andrebbe versata comunque per intero.
Esempio: se acquisti un auto entro il 31 dicembre 2016 con immatricolazione tra il 22 dicembre e il 21 gennaio 2017, il bollo va pagato entro il 31 gennaio 2017.
I pagamenti successivi vanno effettuati entro il mese successivo a quello di scadenza: la data d’immatricolazione è disponibile sulla carta di circolazione.

Categorie
Economia Motori

Assicurazione auto online: quali sono le migliori di novembre tra Direct line,Genertel e Genialloyd

La domanda che molti si pongono dopo aver acquistato l’auto è sempre la stessa:”E adesso che polizza scelgo? Quale mi converrà di più?”. Infatti, quando si va a optare per una assicurazione auto, i fattori che influiscono nella scelta sono principalmente dati dal prezzo e dal servizio che viene erogato dall’assicurazione stessa.

Vediamo pertanto, di fare un confronto tra la Directline, Genertel e  Genialloyd per il mese di novembre 2016: occorre precisare che tutte offrono la possibilità di effettuare un preventivo online dal loro sito, in cui è sufficiente inserire numero di targa del veicolo e data di nascita del proprietario.

Directline

Iniziamo col parlare di Directline, che offre una serie di vantaggi esclusivi realizzati appositamente su misura, tra cui il soddisfatti o rimborsati e la polizza auto personalizzabile. Inoltre, è stata più volte nominata migliore RC auto per la soddisfazione del cliente.

La convenienza è uno dei punti di forza della compagnia assicurativa, infatti si può risparmiare fino a 300 euro sulla polizza RC auto, inoltre i preventivi di assicurazione vengono fatti basandosi sull’uso effettivo dell’auto e quindi in relazione alle abitudini di guida, per questo si tratta di polizze personalizzate, proprio perché sono diverse a seconda delle esigenze che il cliente va a richiedere.

Ovviamente per qualsiasi dubbio, i professionisti che lavorano dietro la Directline sono pronti a a rispondere a qualunque domanda ed eventualmente ad aiutare nella scelta della polizza.

Genertel e Genialloyd

Passiamo all’ assicurazione auto Genertel, che durante questo mese, offre una serie di vantaggi realizzati Ad Hoc:

  • La classe di “Super Bonus” con  prezzo ridotto  se vi trovate da almeno un anno in CU 1
  • Servizio di Assistenza Sinistri All Inclusive 24/7, con soccorso stradale, carrozzerie convenzionate su tutto il territorio nazionale e denuncia on line del sinistro,
  • App Genertel per smartphone e tablet per avere le polizze sempre a portata di mano.

 É presente poi una gamma di polizze fatte su misura a seconda della tipologia di cliente:

  • Genertel Quality Driver, che protegge e premia i protagonisti della guida responsabile, con la presenza della scatola nera.
  • Genertel alta cilindrata, che offre la copertura completa per le auto di cilindrata superiore a 1785 cc.
  • Genertel Slow Cost, superscontata con franchigia che è dedicata a chi guida bene.
  • Genertel donna, pensata al femminile, che mette le donne  al riparo da tanti inconvenienti.
  • Genertel Mamma, la polizza a misura di mamma, con Bonus taxi, Bonus bambini e tutta l’assistenza di cui si ha bisogno.
  • Genertel family, pensata per dare assistenza a tutta la famiglia.
  • Genertel giovani, dedicata ai giovani dai 18 fino ai 29 anni, che vogliono risparmiare sul prezzo.
  • Genertel Classic Plus, dedicata a chi vuole una polizza semplice senza rinunciare alla copertura.

Infine concludiamo con l’assicurazione auto Genialloyd, che offre due tipologie di polizze:

La prima dedicata ai guidatori esperti, che hanno più di 23 anni o che comunque possiedono la patente da più di 2 anni, mentre l’altra viceversa è riservata a chi ha meno dimestichezza con la guida e un’età inferiore ai 23 anni.

Attualmente sono presenti due offerte:

  • Prezzo bloccato per 12 mesi per la polizza, anche se non è ancora in scadenza.
  • Dopo l’acquisto della prima polizza, è previsto uno sconto fino al 15% sulle polizze aggiuntive, nuove o di rinnovo, tue o di un tuo familiare convivente su auto, moto, ciclomotori, veicoli commerciali, camper, casa e infortuni.
Categorie
Motori

Apple McLaren trattativa: situazione, cosa cambia in Borsa e Formula 1, novità acquisizione

Che Apple, dopo i suoi straordinari successi anno per anno, voglia lanciarsi nel mondo delle automobili?

Questo, ovviamente, non possiamo ancora saperlo, ma è una domanda che sorge spontanea leggendo le indiscrezioni di quest’ultima settimana, secondo le quali Apple sarebbe interessata all’acquisto di McLaren Group (la famosa scuderia automobilistica di Formula Uno), più nello specifico a McLaren Applied Technologies.

Interessamento Apple: possibile trattativa? McLaren smentisce

La notizia della possibile, e inaspettata, trattativa tra Apple e McLaren è ormai diventata un fenomeno virale, che rimbalza su ogni giornale e articolo Web. Fatto sta che, dopo le prime voci, la scuderia automobilistica subito è intervenuta, tramite un breve comunicato sul proprio sito ufficiale, al fine di smentire ogni trattativa o interessamento dell’azienda di Cupertino nei loro confronti, in cui, appunto, si legge che “McLaren non è in trattative con Apple per qualsiasi tipo di potenziale investimento”.

Una smentita che, però, non convince, specie perché già dal 2014 circolavano voci di un possibile nuovo e ambizioso progetto di Apple, si parlava della costruzione di un’autovettura elettrica con guida automatizzata (Project Titan); ad avvalorare tali tesi ci sono anche altri dati, come, ad esempio, il licenziamento, all’interno dell’azienda, di molti ingegneri , a cui è seguita un’assunzione di professionisti specializzati nel settore, alcuni di cui, si dice, addirittura rubati a Bmw e Mercedes.

Offerta Apple. Probabile rivoluzione dell’automobile?

La prima fonte, il divulgatore della notizia, dovrebbe essere stato il Financial Times (uno dei principali e più antichi giornali socio-economici del Regno Unito), che scriveva nel suo articolo di aver avuto informazioni confidenziali da tre persone a conoscenza dei negoziati.

Inizialmente è stata resa nota anche la cifra proposta da Apple a McLaren, si tratterebbe di un’offerta da 2 miliardi di dollari, in quel caso l’acquisto diventerebbe il più costoso della storia di Apple, dopo quello di Beats Electronics (una delle aziende leader del mercato della produzione di cuffie e dello streaming musicale, costata ben 3 miliardi di dollari). Ovviamente, ad acquisizione completata, Apple sarebbe pronta ad entrare anche nel mondo della Formula Uno, magari aiutando una ricrescita della scuderia McLaren, che versa in una grande crisi ormai da molti anni e, d’altro canto, si prospetterebbe una vera e propria rivoluzione dell’industria a quattro ruote, per via dei progetti a cui già abbiamo fatto riferimento in precedenza.

 

Categorie
Motori

Come ti rubo la macchina con un chip

Basta un piccolissimo chip grande meno della metà di una monetina da 2 centesimi per rubare praticamente ogni macchina. Il sistema antifurto delle macchine moderne si basa sul riconoscimento del codice della chiave con il codice impostato dalla fabbrica a bordo della vettura. Il sistema chiamato Rfid, ha il compito di leggere i due codici e confrontarli e solo se c’è corrispondenza, abilita l’accensione del motore.

La polizia stradale, ieri sera, è giunta a una casa rurale nei pressi di Roma, a Palombara Sabina, guidati dal sistema antifurto di un’autovettura e hanno rinvenuto due auto pronte per il riciclaggio dei pezzi di ricambio. I poliziotti hanno anche trovato un microchip in grado di simulare il codice della chiave, una sorta di micro scanner, che inganna il sistema di sicurezza tanto vantato dalle case automobilistiche, consentendo ai ladri di mettere tranquillamente in moto senza alcun problema, in breve tempo.

Non sono più i tempi di una volta in cui i ladri, almeno, dovevano faticare un po’ a staccare i fili e fare così l’avviamento. Ora basta un chip e nessuna fatica. La polizia ha arrestato 3 romani, L.G. di 47 anni, S.R. di 37 e V.A. di 40 per ricettazione.