Disdetta Sky legge Bersani: come procedere

1 mese ago Claudia Commenti disabilitati su Disdetta Sky legge Bersani: come procedere

Nel 2017 il canale Sky ha raggiunto i 4.873.000 abbonati, e in Italia i suoi ricavi sono arrivati a raggiungere il 7 % del totale. Ma per quanto questo canale sia popolare, c’è sempre qualcuno che lo disdice, e per quanto riguarda Sky Italia, il recesso del contratto di abbonamento deve essere eseguito tramite la i termini stabiliti dalla legge Bersani.

La legge Bersani per la disdetta di Sky

Gli abbonati a Sky possono disdire l’abbonamento del canale ricorrendo al Decreto Bersani (DL 31/01/07 n. 7). Questa legge, stabilisce le modalità su come disdire gli abbonamenti a servizi di telefonia e rete televisive, e i loro costi, che non comprendono delle penalità, ma solo i costi di gestione dell’operatore, ovvero le spese che il gestore si trova ad affrontare per disdire il canale all’utente che lo ha richiesto.

I costi, tuttavia, variano anche a seconda delle tempistiche. Se il canale Sky, viene disdetto prima della fine del contratto annuale, il costo per la sua cessazione è di 11,53 euro. Ma questa spesa può variare anche a seconda del tipo di promozione a cui si aderisce. Ad esempio, chi ha usufruito dell’offerta di 29€ per 12 mesi, e decide di annullare l’abbonamento prima di aver raggiunto i sei mesi, l’utente deve versare al canale la cifra che corrisponde all’importo dello sconto.

Se la disdetta avviene alla fine del contratto, l’utente non deve versare nessun pagamento, ma inviare entro trenta giorni dalla data di ricezione una Raccomandata A/R con cui si comunica all’azienda la decisione di non volersi abbonare nuovamente.

L’articolo 11 del Decreto Bersani, tuttavia, stabilisce che l’utente può recidere il contratto dando trenta giorni di preavviso all’azienda.

Il modulo da compilare

Per disdire l’abbonamento a Sky, è necessario compilare i corrispettivi moduli, con riferimento al Decreto Bersani.

I moduli di disdetta si possono scaricare gratuitamente dal sito del canale. Dopo averlo compilato, inserendo i dati anagrafici del titolare del contratto, il numero di quest’ultimo e la sua firma, si può inviarlo:

  • tramite Raccomandata A/R o Fax, allegando una fotocopia della carta d’identità dell’utente, che può essere inviata all’indirizzo: Sky – Casella Postale 13057, 20141 Milano;

  • recandosi ad un Centro di Servizio Sky, entro un mese dalla disattivazione del contratto, consegnando anche il decoder, il telecomando, etc. In quest’ultimo caso, bisogna conservare una ricevuta della restituzione dei prodotti, per dimostrare che è avvenuta.

Degli eventuali costi di recessione possono essere pagati tramite carta di credito, RID bancario e bollettini postali, ed è necessario compilare e inviare l’apposito modulo del tipo pagamento, che si può scaricare insieme agli altri moduli di disdetta.