Categorie
Cultura

Frasi in napoletano: le più ricercate e traduzioni

Il napoletano è una lingua a tutti gli effetti, come stabilito chiaramente dall’Unesco: un patrimonio inestimabile fatto di cultura, tradizione e leggende, che non è possibile spiegare in poche parole.

Il napoletano è una lingua che diverte, un dialetto riconosciuto, ascoltato e imitato in tutto il mondo. Infatti, diverse sono le espressioni divenute d’uso comune, utilizzate anche da chi non mastica bene la lingua o non è originario di Napoli.

Esempi di frasi napoletane: ecco cosa significano

Le citazioni e i proverbi in napoletano sono frasi riconoscibili, indice di un dialetto trasformato in una lingua da tutelare, conservare e conoscere. Il linguaggio napoletano è ricco di suoni e colori, esprime in modo chiaro l’allegria e la vivacità di un popolo che ha saputo distinguersi nel mondo.

Tra le frasi napoletane più ricercate e conosciute, possiamo trovare citazioni, espressioni, testi di canzoni e proverbi. Ognuna di esse conserva un proprio significato, che resiste al trascorrere del tempo. Esempi di frasi napoletane più ricercate sono:

  • E chiacchiere s’ ‘e pporta ‘o viento“: ossia “le chiacchiere se le porta via il vento”, un proverbio che sta a indicare l’inutilità della sola parola quando a essa non segue un’azione.
  • Vir Napole e poi muore” , cioè “vedi Napoli e poi muori”, un modo di dire famoso in tutto il mondo, che sta a sottolineare la bellezza di una città, Napoli, che tutti dovrebbero ammirare prima di morire.
  • Chi chiagne fotte a chi ride“: “chi piange ha la meglio su chi ride”, altro detto popolare molto usato nella città partenopea, che sta a indicare come chi trascorre la sua vita lamentandosi e assumendo un atteggiamento vittimistico, riesca a ottenere con questo escamotage molto di più rispetto a chi continua a sorridere sebbene abbia diversi problemi.
  • Avimm perdut a Filipp e o panaro“: altra espressione locale, derivante dalla storia del nobile Pancrazio che affida al suo servo Filippo, una cesta piena di alimenti prelibati da affidare a terzi. Filippo non fa più ritorno, rubando la succulenta cesta. Questa espressione sta a indicare coloro che oltre a subire un danno, sono vittime anche di una beffa.
  • L’uocchie sicche so peggio d’’e scuppettate“: questa frase significa letteralmente che “gli occhi secchi (ossia delle persone invidiose) sono peggio dei proiettili di fucile” e oltre a esprimere la forte superstizione partenopea, sta a indicare che l’invidia può arrecare grave danno.
  • Ogni scarrafone è bello a mamma soja“: letteralmente “ogni scarafaggio è bello per la propria madre”. Questa espressione, resa celebre da una nota canzone di Pino Daniele, esprime l’enorme amore di una madre che vede sempre suo figlio come il più bello
  • Tutto ‘o lassato è perso“: il significato è “tutto il lasciato è perso”, questa frase incita a cogliere le occasioni della vita, perché ogni cosa che si lascia indietro non può più essere recuperata

Il napoletano è una lingua che diverte, un dialetto costituto da espressioni colorite, ricche di elevato valore simbolico. Il napoletano è anche un dialetto che riassume, caratterizzato da citazioni brevi che racchiudono in sè un significato ampio. Addentrarsi in questa lingua significa assaporarne i contorni, rendendola familiare.