Metodi efficaci per farsi venire la febbre

4 settimane ago Claudia Commenti disabilitati su Metodi efficaci per farsi venire la febbre

Si può dire di avere la febbre quando la propria temperatura corporea arriva a 37°. Di solito è il sintomo di un’influenza o qualche altra malattia, ma in alcuni casi è possibile provocarla.

I metodi da seguire

Per alzare la propria temperatura e farsi venire la febbre, si può provare a:

  • esporsi al sole per trenta minuti, per due o tre giorni, indossando delle maniche corte, ma con questo metodo possono comparire sintomi come la nausea o il mal di testa;

  • dormire con delle saponette poste sotto le ascelle;

  • mangiare alcuni cibi, come una patata cruda o il peperoncino;

  • porre il dentifricio sulle labbra e riempire la propria bocca di aria, stando all’aperto con magliette e pantaloncini corti;

  • mangiare una piccola quantità di tabacco, berlo con un infuso o applicarlo sotto le ascelle durante la notte, ma non è un metodo che si consiglia di solito, perché può provocare danni alla salute;

  • fare una doccia in cui si alternano acqua calda e fredda, o semplicemente fredda, e lo stesso vale per l’asciugarsi, alternando sempre aria fredda e calda;

  • posare del ghiaccio sui genitali;

  • strofinare un fazzoletto usato per tutto il corpo.

Naturalmente, c’è anche dei metodi per alzare la temperatura del termometro, ingannando chi sta intorno a noi. Non è difficile, se si accosta questo strumento a una fonte di calore o bevendo qualcosa di caldo.

Perché farsi venire la febbre?

Sembra una cosa insensata provocarsi da soli la febbre, a meno di non essere un adolescente che vuole saltare un compito in cui non è preparato, ma possono esserci altri motivi, al di fuori della svogliatezza.

In alcuni casi gravi, la ragione è la sindrome di Münchhausen, un disturbo psichiatrico che induce i soggetti che ne sono affetti ad attirare attenzione su di sé, cercando di suscitare compassione o preoccupazione a chi sta loro intorno, ammalandosi o, peggio ancora, ferendosi. Quindi non è strano che alcuni possano provocarsi la febbre da soli.

La cosa peggiore è quando un disturbo del genere diventa così grave che il soggetto fa ammalare qualcuno intorno a lui, come un coniuge o un figlio, per suscitare della compassione negli altri, in questo caso si parla di Münchhausen per procura.

Al di là delle ragioni per cui qualcuno vuole fingersi malato, provocandosi la febbre, si dovrebbe desistere da un tale comportamento, se non si vuole incorrere in altri problemi di salute.