Mutui: il Banco di Sardegna si rinnova

1 anno ago Redazione Commenti disabilitati su Mutui: il Banco di Sardegna si rinnova

Se la perdurante crisi non produce dei vantaggi per quanto riguarda i salari e l’occupazione, buone notizie vengono invece dal settore dei finanziamenti, specie quelli dedicati all’acquisto o alla costruzione della prima abitazione. Gli interessi sui mutui per la casa sono infatti in diminuzione, per via delle misure imposte dalla Banca Centrale Europea e da altri fattori macroeconomici. Chi volesse accedere a questo tipo di prestiti potrà usufruire delle proposte del Banco di Sardegna, che offre diverse soluzioni illustrate qui di seguito.

Il Banco di Sardegna propone alcune interessanti opportunità che consentono di accedere a mutui per la casa a condizioni vantaggiose, con numerose tipologie di tasso d’interesse associati al finanziamento. Si parte con il “Mutuo Facile Variabile” caratterizzato da un tasso che varia a seconda dell’andamento delle quotazioni del mercato dei prestiti; il TAEG iniziale è pari al 2,23% per finanziamenti che non dovranno essere inferiori a 40 mila euro e che dovranno coprire l’80% del valore dell’immobile, mentre la durata del mutuo potrà estendersi da un periodo minimo di 60 mesi fino ad un massimo di 360 mensilità.

Accanto a questa proposta, l’istituto offre anche la modalità del “Mutuo Facile a tasso fisso”, abbinato ad un TAEG del 3,75%, alle stesse condizioni di quello illustrato precedentemente, fatta eccezione per il tasso, che rimarrà sempre costante per tutta la durata del mutuo. Si ricorda che, secondo le regole della banca, l’età del contraente non può essere superiore ai 75 anni.

Con il “Mutuo Aperto”, abbinato ad un TAEG del 3,60%, si potrà beneficiare di un tasso misto, che consente di pagare le rate delle prime tre annualità a tasso fisso, per poi decidere se passare alla modalità variabile nel periodo successivo o mantenere l’opzione iniziale. Adottando invece la soluzione del “Mutuo Stabile” si potranno pagare delle rate dall’importo sempre costante ad un TAEG iniziale del 3,20%, che potrà comunque variare a seconda dell’andamento del mercato dei prestiti. Nel caso di un aumento dei tassi, l’ammontare dei pagamenti mensili si manterrà immutato, ma aumenteranno il numero di rate e la conseguente durata del mutuo.
L’offerta del Banco di Sardegna include infine il “Mutuo Blindato” con TAEG del 3,51% ed il “Mutuo Facile BCE”, con costi effettivi totali pari al 2,74%. Maggiori informazioni circa questi mutui potranno essere trovate nel sito della banca, consultando i relativi fogli informativi.