Categorie
Cultura

Riccardo Scamarcio ha un malore e finisce in ospedale a Cassino, problemi con Valeria?

I fans e tutto il web da ieri sono preoccupati per la notizia che vedeva l’attore Riccardo Scamarcio essere ricoverato all’ospedale, per ora sappiamo che all’ospedale Sante Scolastica si è dimesso, speriamo che il grande attore stia bene, qualsiasi sia la sua situazione sentimentale. Grande paura per l’attore Scamarcio che durante il rientro dalla Puglia in direzione Roma, ha accusato un malore ed è finito all’ospedale. Il fatto è accaduto mentre l’attore rientrava a Roma e nel corso del viaggio, in compagnia dell’autista e del suo manager, non si è sentito bene. I suoi accompagnatori hanno così deciso di lasciare l’autostrada all’altezza di Cassino e si sono diretti al Pronto Soccorso del nosocomio locale, l’ospedale Sante Scolastica.

I medici che lo hanno soccorso hanno reputato essere il caso di soccorrerlo nella sala rossa, riservata alle emergenze. Dopo i primi esami, fortunatamente, l’emergenza è rientrata e l’attore, nonostante la necessità di ulteriori accertamenti e cure, ha deciso di firmare le dimissioni volontarie, contro il parere dei curanti e rivolgersi a un’altra struttura della Capitale.

Pare che il malore sia da riferirsi alla forte pressione psicologica che Riccardo Scamarcio sta vivendo in questo periodo, anche per via della pressione mediatica del gossip, secondo cui il suo rapporto con Valeria Golino sarebbe in difficoltà, circostanza smentita dai due. Appena si è diffusa la notizia dell’evento, molti giornalisti e molti fan dell’attore si sono precipitati al “Santa Scolastica” ma Scamarcio aveva già lasciato l’ospedale alla volta della Capitale.

Categorie
Design Lucania

Telescopio Parker: potentissimo lampo dallo spazio profondo, arriva da 6 miliardi di anni luce da noi

La notizia del lampo osservato da un potente telescopio che calcola la distanza da noi , ul lampo radio che attira l’attenzione di tutti noi .Gli scienziati Australiani hanno osservato, grazie al Telescopio Parker dell’Osservatorio del consiglio nazionale di ricerca Australiano, un potentissimo lampo proveniente dallo spazio profondo, distante circa 6 miliardi di anni luce da noi. E’ difficile rendersi conto dell’entità della distanza, bisogna pensare che ogni secondo la luce percorre 300 mila chilometri,immaginare in chilometri la distanza che può percorrere in 6 miliardi di anni, esula totalmente dalle nostre capacità mentali.

I lampi radio ad alta energia, così sono chiamati, in genere sono provocati dalla fusione di due stelle di neutroni, la cui enorme massa, unendosi genera un lampo gamma di terrificante energia: Se un lampo gamma raggiungesse la terra, molto probabilmente la sterilizzerebbe totalmente e con lei ucciderebbe ogni forma di vita, nonostante la distanza di emissione. Si tratta di lampi della durata di pochi millisecondi ma intensissimi.

Questa scoperta del lampo ha consentito anche di confermare le ipotesi sulla distribuzione della materia nell’universo: questi raggi, infatti, hanno all’origine una frequenza elevata che tende a portarsi verso frequenze più basse in relazione alla quantità di materia che attraversano. Questo effetto ha consentito di confermare che l’universo è composto per il 70% da energia oscura, il 25% di materia oscura e solo per il 5% di materia ordinaria, quella che conosciamo. L’energia e la materia oscura, così chiamate perché entrambe assolutamente sconosciute, erano, come le onde gravitazionali, teorizzate da Einstein come esistenza, sebbene lo stesso genio non fosse riuscito a predire altro al riguardo.

Oggi abbiamola prova che esiste veramente ma non sappiamo ancora nulla di questo 95% dell’universo. La nostra conoscenza e nemmeno completa, è limitata a un misero 5%.

Categorie
Economia Politica

Incontro a Roma tra Juncker e Renzi: le posizioni non sono distanti

Molti ricorderanno le dure parole di Juncker nei confronti del governo Renzi di qualche settimana fa, quando Juncker aveva dichiarato che in Italia non esiste un interlocutore valido, di fatto, squalificando il Premier italiano. Oggi i due protagonisti si sono incontrati a Roma e tutto è finito a tarallucci e vino. Renzi ha ribadito la necessità per l’Italia non di chiedere nuove flessibilità all’Europa ma di utilizzare le regole esistenti.

Si è scagliato contro la politica di pura austerity, che non serve a risolvere i problemi. Juncker, da parte sua, ha ribadito il concetto che l’Italia ha già usufruito abbondantemente delle flessibilità possibili e che non è pensabile poterne mettere in atto altre. Il presidente della commissione Europea ha, poi, elogiato l’opera svolta dall’Italia rispetto al salvataggio di tanti migranti in mare e le coraggiose e importanti riforme che si stanno mettendo in atto, rilevando come, nonostante divergenze su alcuni punti, la politica italiana e quella Europea, non sono poi tanto distanti.

Successivamente al colloquio con il Premier Renzi, Juncker è salito al Quirinale per un incontro con il Presidente della Repubblica Mattarella. Incontrando i giornalisti e commentando i temi trattati con Juncker, Renzi ha citato una frase di colui che fu Sindaco di Firenze, uno dei Sindaci più amati dalla popolazione, La Pira: ”A cosa serve il pareggio in bilancio se non è in pareggio la vita?”

Categorie
Cultura

Pamela Prati dà forfait all’ultimo minuto per l’isola dei famosi, ecco i concorrenti

Ormai praticamente pronta a partire per Cajo Cochinos, Pamela Prati ha rinunciato a partire per partecipare a questa nuova edizione de “L’isola dei famosi”. Il motivo è il suo terrore di volare, legato ad una terribile claustrofobia. La Soubrette racconta che aveva già firmato il contratto e già era stata annunciata ufficialmente la sua partecipazione quando, dovendosi recare da Roma a Milano per sostenere delle analisi, una volta all’Aeroporto e in procinto di imbarcarsi, è stata colta da una crisi di panico che l’ha costretta a recarsi con un’ambulanza al Pronto Soccorso.

Da questo ha capito che non avrebbe mai potuto affrontare il volo fino all’esotica destinazione. Tutto questo nonostante avesse affrontato la procedura che le compagnie aeree maggiori offrono per sconfiggere la paura di volare; all’ultimo la paura ha prevalso su Pamela Prati.

Alcuni maligni sostengono che questo della paura sia una motivazione”politica” per evitare di dover affrontare l’avventura sull’isola dei famosi con Simona Ventura ma Pamela smentisce decisamente e formula belle parole per Simona e le augura buona fortuna.

L’isola dei famosi andrà in onda dal 9 marzo sempre su Canale 5 e i concorrenti di quest’anno 2016 sono : Matteo Cambi e Christian Galella,  Gianluca Mech, Gracia De Torres, Giacobbe Fragomeni,Patricia Contreras, Andrea Preti, Paola Carusa. Quest’anno conduce Alessia Marcuzzi.

Categorie
Cultura Salute

Sempre più ragazze soffrono di irregolarità del ciclo, sotto accusa sono diete e stress

In questi ultimi anni si sta assistendo ad un sempre maggiore numero di ragazze in età post- adolescenziale con gravi disturbi del ciclo mestruale fino ad arrivare all’amenorrea, cioè alla totale assenza di ciclo. I medici si sono interrogati sui motivi di questi disturbi che sono arrivati a colpire il 15% delle ragazze tre i 16 e i 25 anni.

Sono giunti alla conclusione che i principali imputati di questi problemi sono innanzitutto un’eccessiva attività fisica e un’insufficiente alimentazione che porta a eccessive perdite di peso e poi, lo stress a cui le ragazze sono sottoposte, con aspettative sempre più alte che aumentano a dismisura i livelli di stress.Il primo intervento consiste in una terapia ormonale sostitutiva (la classica”pillola”) che deve essere affiancata da interventi di psicoterapia.

Parallelamente gli specialisti hanno dovuto registrare anche un aumento di casi di ovaio policistico. Questo è un problema la cui predisposizione è dalla nascita ma, normalmente, non insorge o regredisce con una gravidanza “al giusto tempo” che rimette a posto le cose. Il fatto che si stia alzando sempre di più l’età della prima gravidanza, fa sì che la malattia abbia il tempo di insorgere.

Categorie
Cultura Salute

Eagles of Death Metal cancellano 8 date del loro tour

Chi non è amante del Rock, probabilmente non conoscerà questo gruppo Eagles of Death Metal, eppure certamente tutto il mondo sa chi sono: è il gruppo musicale che si stava esibendo a Parigi, al Bataclan il 13 novembre scorso, il giorno del vile attentato dei terroristi islamici. Gli Eagles of Death Metal avevano sospeso la loro attività, scioccati dopo quella terribile esperienza ed erano appena tornati a suonare in pubblico.

Purtroppo il loro frontman Jesse Huges, ha subito un infortunio alla mano, si è tagliato un tendine di un dito e questo costringe la Band ad annullare alcune date del loro tour Europeo. In tutto si tratta di 8 date delle quali 3 erano previste in Italia. Saltano, dunque, gli appuntamenti previsti a Treviso il 27 febbraio al New Age, a Torino il 28 febbraio all’Hiroshima mon amour e a Ciampino (Roma) all’Orion.

La band  Eagles of Death Metal e soprattutto Jesse Huges sono molto dispiaciuti di dover interrompere il loro tour, tanto che Jesse voleva mantenere comunque le date ma è stato fermato dai medici, che lo hanno avvisato che se avesse continuato a suonare senza attendere la guarigione, avrebbe rischiato conseguenze serie per il futuro. La band da appuntamento a tutti gli amanti della loro musica ai prossimi appuntamenti possibili.

Categorie
Economia Salute

Dal primo di marzo la ricetta medica va in pensione, arriva la nuova ricetta elettronica

Finalmente le teorie diventeranno realtà, la ricetta elettronica una novità e comodità per tutti.

In verità, l’abolizione della vecchia ricetta medica, quella classica rossa, per capirci, era prevista già tre anni fa da una direttiva del Ministero e alcuni medici hanno cominciato ad usare il nuovo sistema già dallo scorso dicembre ma ufficialmente solo dal primo marzo il tutto sarà fatto a livello telematico. Nel primo periodo di applicazione, i medici prescriveranno i farmaci o le visite e analisi con computer, tablet e smartpohone, rilasciando solo un promemoria cartaceo.

I pazienti potranno recarsi in una qualunque farmacia e ritirare quanto prescritto. Il promemoria serve qualora vi fossero problemi tecnici di internet o problemi al computer della farmacia. Dal 2017 sarà tutto esclusivamente telematico. Questo sistema ha dei pro e dei contro: il problema è che i medici non potranno più contare sull’aiuto di personale per compilare le prescrizioni, togliendo, quindi, tempo alle visite e peggiorando il servizio per i pazienti, e anche i sostituti dovranno continuare a usare le vecchie ricette.

Il vantaggio è meno carta circolante e la possibilità di poter ritirare il farmaco prescritto in qualunque farmacia nel territorio nazionale, anche fuori Regione, cosa ancora oggi non possibile. Tra le novità , la nuova ricetta elettronica conterrà un numero di identificazione Nre ( numero ricetta elettronica) associato al nostro codice fiscale, collegato al SSN per scontare in automatico eventuali esenzioni o prezzi.

Fino al 2017 saranno esclusi dalla nuova ricetta elettronica alcuni farmaci come stupefacenti, ossigeno e terapie che hanno bisogno di continuità assistenziale. Come ci spiega Giacomo Milillo, Segretario nazionale della Federazione dei medici di famiglia (Fimmg) : “Dietro i vantaggi della materializzazione si cela però un rovescio della medaglia” – e spiega al riguardo delle esenzioni per i farmaci e ticket – “Qualcuno ha confuso gli studi medici con quelli dei Caf, vista la mole di dati anagrafici, codici di esenzione dai ticket, adesso anche quelli di erogabilita’ e appropriatezza e quant’altro dovremo verificare“.