Prestiti da 30 mila euro: conviene fare la cessione del quinto?

3 mesi ago Staff Commenti disabilitati su Prestiti da 30 mila euro: conviene fare la cessione del quinto?

Lo scenario dei finanziamenti non finalizzati è dominato dal prestito personale e dalla cessione del quinto: entrambi i prodotti permettono di entrare in possesso di una somma di denaro in tempi tutto sommato ristretti con la possibilità di restituirla a rate nel corso del tempo; sapendo che le soluzioni hanno delle loro peculiarità, per i prestiti da 30 mila euro conviene fare la cessione del quinto?

Quale forma di finanziamento conviene?

Per scoprire se la cessione del quinto è l’alternativa più conveniente bisogna studiare quali sono le differenze tra le due forme di finanziamento. Innanzi tutto va chiarito che la cessione del quinto può essere richiesta solamente da pensionati, da dipendenti pubblici e da dipendenti privati che lavorano per imprese che rispettano determinati requisiti dimensionali, mentre il prestito personale può essere richiesto da chiunque abbia un reddito dimostrabile (quindi anche dai lavoratori autonomi). La rata di rimborso del prestito con cessione del quinto viene infatti pagata tramite una trattenuta sulla busta paga o sull’assegno mensile della pensione; il lavoratore autonomo, non percependo né l’una né l’altro, se vuole ottenere un finanziamento è “costretto” a richiedere un prestito personale.

Richiedere prestiti da 30 mila euro con la cessione del quinto conviene di sicuro a chi in passato ha avuto qualche problema e che oggi si ritrova ad essere etichettato come soggetto protestato o cattivo pagatore: visto che il pagamento viene fatto direttamente dal datore di lavoro o dall’ente previdenziale, gli istituti di credito sono disposti a concedere il finanziamento anche a queste categorie di soggetti (che invece troverebbero molte difficoltà a veder accettate le loro richieste di prestito personale); conviene anche a chi ha un’età avanzata, visto che la cessione del quinto di solito prevede dei limiti di età molto più alti rispetto a quelli previsti per altre forme di finanziamento (di solito si deve avere 70 o 75 anni al termine del piano di rimborso).

Prestiti da 30 mila euro: la scelta tra cessione del quinto o finanziamento personale

I prestiti da 30.000 euro spesso sono il massimo che si può ottenere richiedendo un finanziamento tradizionale, mentre con la cessione del quinto possono essere erogate somme anche più alte (nel rispetto del vincolo del quinto, ovviamente). Ma a parità di importo il fattore che rende la cessione del quinto più conveniente è rappresentato dalle condizioni proposte: visto il minor rischio a carico dell’istituto erogante (il rimborso del capitale finanziato è garantito dalla busta paga, oltre che dalla stipula di polizze assicurative obbligatorie su rischio morte e perdita d’impiego), i tassi d’interesse applicati sono più bassi e le spese collegate all’operazione, che concorrono a far salire il costo del finanziamento, sono minori. Per quanto riguarda i tempi di erogazione forse il prestito personale permette di avere le somme a disposizione in tempi leggermente più brevi, ma se ci sono delle urgenze di liquidità, con la cessione del quinto è possibile ottenere un acconto nel giro di pochi giorni.