Qual’è il fiume più lungo del mondo? Caratteristiche e curiosità

4 mesi ago Valentina Commenti disabilitati su Qual’è il fiume più lungo del mondo? Caratteristiche e curiosità

Siete curiosi di sapere quale sia il corso d’acqua più lungo al mondo, ma soprattutto quali siano le sue principali caratteristiche, la sua estensione e molte altre notizie interessanti su di esso? Allora siete nel posto che fa al vostro caso! Qui di seguito infatti potrete trovare una descrizione del fiume considerato più lungo al mondo, che vi permetterà di coglierne le particolarità e l’importanza.

Il fiume più lungo del mondo

Il fiume più lungo del mondo è senza ombra di dubbio il Rio delle Amazzoni, lungo esattamente 6992 km. Si tratta di un fiume appartenente all’America Meridionale, che nasce in Perù a 5600 metri sul livello del mare e che grazie alla sua sorprendente lunghezza, attraversa il Perù stesso, la Colombia e il Brasile, passando per il Bacino dell’Amazzonia e la Foresta Amazzonica, per poi sfociare infine nell’Oceano Atlantico grazie ad un delta che supera i 200km di larghezza. Oltre ad essere il più lungo del mondo, il Rio delle Amazzoni è anche il fiume che vanta della maggior potenza idrica e del maggior numero di affluenti in tutto il mondo, più precisamente si tratta di 10000 fiumi che sfociano all’interno di esso, dei quali poco meno di una ventina superano i 1000 km di lunghezza. Il primo che navigò sulle acque del Rio delle Amazzoni fu l’esploratore italiano Amerigo Vespucci nel 1499, che fu subito seguito dal marinaio Vicente Yanez Pinzon, che navigò sulle acque di questo fiume un anno dopo, nel 1500.

Gli abitanti

Molti pensano che la regione amazzonica sia poco abitata, ma in realtà non è affatto così. In essa infatti si possono contare circa 20 milioni di abitanti, che si concentrano per la maggior parte nelle città di Belem, Manaus, Porto Velho, Santarem e Coarì; mentre circa 200.000 persone che vivono nella regione amazzonica sono di origini indigene, che si concentrano principalmente in alcune zone del Brasile. Il territorio del Brasile è infatti occupato per il 15% da popolazioni indigene. Coloro che vivono proprio sulle sponde del fiume, principalmente in palafitte, prendono il nome di Caboclos e vivono grazie alle risorse che il territorio offre, come la pesca, il commercio di frutti tipici ed esclusivi di queste zone e la produzione di caucciù.

Curiosità

Il Rio delle Amazzoni è soggetto ad un fenomeno naturale molto particolare, anzi unico, che non smette mai di incuriosire coloro che ne studiano la natura e coloro che vivono in questa zona o la visitano. Tutti gli anni infatti, diverse volte all’anno, tra il mese di Febbraio e il mese di Marzo, durante i periodi di luna nuova e di luna piena, una grande onda di circa 4 metri di altezza proveniente dall’Atlantico si spinge per diversi km lungo il corso di alcuni affluenti del fiume. Questo particolare fenomeno naturale viene chiamato Pororoca ed è molto temuto dagli abitanti, in quanto la sua forza è in grado di distruggere intere abitazioni.