Rogna canina: come si prende, come si manifesta e come si cura?

5 mesi ago Redazione online Commenti disabilitati su Rogna canina: come si prende, come si manifesta e come si cura?

La rogna canina è un problema molto grave che coinvolge i cani. Nota anche col nome di Demodicosi o rogna demodettica, si tratta di una specie specifica di rogna che colpisce i mammiferi: quella dei cani è nota col nome di Demodex Canis

Si tratta di un acaro davvero piccolo con un corpo sottile, la testa a forma di ferro di cavallo, e quattro piccolissimi arti. Tutta la sua vita si svolge sul corpo del cane che lo ospita. La trasmissione degli acari avviene da madre a cuccioli nei primi giorni di vita dei cuccioli di cane, a causa del contatto.

Gli acari della rogna canina si moltiplicano molto rapidamente e anche eccessivamente.

Questa malattia colpisce la pelle: è scatenata da un acaro che vive nei follicoli piliferi e che si nutre delle ghiandole sebacee e delle cellule dell’animale. Esso può continuare a vivere, e a riprodursi, senza dare alcun segno di essere presente sull’animale. In alcuni casi invece causa dei problemi alla pelle molto estesi e perdita di pelo, e quindi la diagnosi diventa più semplice.

In genere i cani più giovani possono resistere meglio alla rogna canina; il sistema immunitario del cane se è indebolito contrae più facilmente la rogna. La rogna canina si diffonde più rapidamente fra i cani giovani e in quelli anziani senza difese immunitarie, ed è molto più diffusa fra i cani di razza pura.

La rogna canina può essere generalizzata o localizzata.

Se è generalizzata la pelle del cane si presenta squamosa, la pelle è ispessita e ci possono essere pustole, la cute canina appare unta, grinzosa. Il cane tende a perdere pelo mentre il colore della pelle diventa da rosso scuro a bluastro. La rogna canina localizzata si localizza appunto in alcune zone del corpo che sono spesso colpite dalla perdita di pelo, come attorno agli occhi, alla bocca, sulle zampe posteriori. La diagnosi si effettua per mezzo del raschiato cutaneo profondo, per controllare se ci siano acari a livello della cute e nei follicoli. La rogna canina generalizzata è più complessa da curare. In genere si procede ad uno shampoo che viene prescritto solamente dal veterinario e combatte la rogna; se il cane ha il pelo lungo andrebbe rasato. Quindi si procede con una spugnatura sulle zone colpite con un acaricida specifico, e non sulle zone colpite da ulcere. Il veterinario può consigliare una cura antibiotica di due settimane se il cane è debilitato. La terapia viene interrotta quando i parassiti, dopo due raschiamenti cutanei, sono spariti.