Scoperta la proteina per combattere il tumore al seno?

1 mese ago Morgana Commenti disabilitati su Scoperta la proteina per combattere il tumore al seno?

Sono state molte novità, in questi ultimi anni sul campo di cura oncologica, grazie  continue ricerche ed approfondimenti, per sconfiggere una volta per tutte la grave malattia, che è il cancro. Nonostante queste scoperte, però, si evince una grande difficoltà nell‘applicazione immediata della stessa, perchè la strada tra il laboratorio ed il paziente, di norma, richiede molti giorni.

I ricercatori dell’Università di Torino, hanno scoperto una proteina che può aiutare nella comprensione e nella centratura di trovare le donne che possono essere curate nell’immediato: in parole povere, si è scoperto che il cancro al seno è curabile molto più efficacemente attraverso le molecole denominate Tassane, che vengono estratte dall’albero di tasso. Questa proteina scoperta, individua le donne che potrebbero rispondere alla cura, in maniera positiva.

La proteina è la P13K-C2a e potrebbe essere utilizzata come marcatore, al fine di individuare il profilo della singola paziente e di come potrebbe rispondere alla cura. La paternità di questa scoperta è da assegnare al Professor Emilio Hirsch, che ha definito, insieme al suo staff di ricercatori, che le donne che hanno livelli bassi della proteina citata, posso essere curate, positivamente, dalla molecola.

Questa scoperta porta alla consapevolezza di somministrare al meglio e con dose esatta, i tassani necessari per una migliore efficacia della terapia e diminuire gli effetti collaterali che, di norma si presentano. La somministrazione non avverrà più, uguale per tutti, ma a seconda del profilo di ogni paziente, regalando una speranza in più di guarigione senza controindicazioni o ricadute.

Il tumore, che sia al seno o in altre zone del corpo è una malattia molto più grande di noi, che ha ancora molti punti bui, nonostante la ricerca stia facendo passi da gigante in merito. Speriamo che questa nuova scoperta, si metta in atto quanto prima possibile, per affrontare una malattia come questa con un pò più di serenità e sicurezza.