Telescopio Parker: potentissimo lampo dallo spazio profondo, arriva da 6 miliardi di anni luce da noi

1 anno ago Redazione Commenti disabilitati su Telescopio Parker: potentissimo lampo dallo spazio profondo, arriva da 6 miliardi di anni luce da noi

La notizia del lampo osservato da un potente telescopio che calcola la distanza da noi , ul lampo radio che attira l’attenzione di tutti noi .Gli scienziati Australiani hanno osservato, grazie al Telescopio Parker dell’Osservatorio del consiglio nazionale di ricerca Australiano, un potentissimo lampo proveniente dallo spazio profondo, distante circa 6 miliardi di anni luce da noi. E’ difficile rendersi conto dell’entità della distanza, bisogna pensare che ogni secondo la luce percorre 300 mila chilometri,immaginare in chilometri la distanza che può percorrere in 6 miliardi di anni, esula totalmente dalle nostre capacità mentali.

I lampi radio ad alta energia, così sono chiamati, in genere sono provocati dalla fusione di due stelle di neutroni, la cui enorme massa, unendosi genera un lampo gamma di terrificante energia: Se un lampo gamma raggiungesse la terra, molto probabilmente la sterilizzerebbe totalmente e con lei ucciderebbe ogni forma di vita, nonostante la distanza di emissione. Si tratta di lampi della durata di pochi millisecondi ma intensissimi.

Questa scoperta del lampo ha consentito anche di confermare le ipotesi sulla distribuzione della materia nell’universo: questi raggi, infatti, hanno all’origine una frequenza elevata che tende a portarsi verso frequenze più basse in relazione alla quantità di materia che attraversano. Questo effetto ha consentito di confermare che l’universo è composto per il 70% da energia oscura, il 25% di materia oscura e solo per il 5% di materia ordinaria, quella che conosciamo. L’energia e la materia oscura, così chiamate perché entrambe assolutamente sconosciute, erano, come le onde gravitazionali, teorizzate da Einstein come esistenza, sebbene lo stesso genio non fosse riuscito a predire altro al riguardo.

Oggi abbiamola prova che esiste veramente ma non sappiamo ancora nulla di questo 95% dell’universo. La nostra conoscenza e nemmeno completa, è limitata a un misero 5%.